Passa ai contenuti principali

"Noi siamo l'Albero Sacro del Cosmo" di Federico Bellini

"Noi siamo l'Albero Sacro del Cosmo" di Federico Bellini

Il nostro Albero di Natale è la perfetta metafora dell’Albero Cosmico, dell’Albero di Odino, dell’Albero Informatico, del principio stesso del Tao, perché ogni palla o sfera appesa, al suo interno Vuota, rappresenta un Universo a sé che coesiste insieme a tutte le altre appese su ogni ramo.

"Noi siamo l'Albero Sacro del Cosmo" di Federico Bellini

Gli Alberi da sempre affascinano gli uomini per la loro longevità che nel tempo è in grado di collegare varie successive generazioni umane, per la sua potenza espressa dai tronchi poderosi, la maestosa dimensione delle chiome, tanto da essere utilizzato sin dall’antichità come metafora cosmica, attribuendogli sacralità. Simbolo universale è ravvisabile nella Quercia di Zeus e Pan, l’Olivo di Atena, il Mirto di Afrodite, il Fico di Dioniso e Marte, il Cipresso, tuttora simbolo di morte presso molti popoli e caro al Dio degli Inferi Plutone, la Vite a Dioniso, il Salice di Osiride, il Sicomoro di Hator, la Mela e la Rosa erano il frutto e il fiore sacro di Afrodite, in Egitto la Rosa era sacra ad Iside, come i Pomi d’Oro erano coltivati nel giardino sulle pendici del Monte Atlante.

"Noi siamo l'Albero Sacro del Cosmo" di Federico Bellini

Ma l’idea dell’Albero Rovesciato ha avuto una diffusione impressionante, che va da Platone a Dante, dalla Siberia, la Scandinavia all’India, e qualsiasi paese questa metafora abbia raggiunto, ha assunto le forme in natura a lei più congeniali ed appropriate: il Frassino nel Nord Europa, l’Olivo nei paesi islamici mediorientali e nord africani, la Betulla e il Larice in Siberia, il Ficus in India. 

"Noi siamo l'Albero Sacro del Cosmo" di Federico Bellini

Tutto questo a dimostrare come il comportamento umano, nei riguardi del mito, rifletta il desiderio di cogliere nell’essenziale del mondo le origini di ogni cosa, il “Centro”, l’inizio assoluto quando furono creati gli Uomini e il Cosmo. Per questo motivo l’Albero di Natale viene allestito e così addobbato durante le festività del mese di dicembre, perché nella ricorrenza cristiana della nascita del Cristo, in realtà si celebra la venuta alla luce del Bambino Cosmico, metafora dell’Universo appena nato.

"Noi siamo l'Albero Sacro del Cosmo" di Federico Bellini


Tratto dal Corso/Seminario: 
"Il Cammino del Viandante" di Federico Bellini
Parte I - "Cosmogenesi" / 1.2 - "Il Pre-Universo e i Multi-Versi"

Per informazioni: Risveglio Experience

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Moda dell'Ayahuasca e i suoi pericoli..." di Federico Bellini

"Ogni tipo di dipendenza è cattiva,  non importa se il narcotico è l’alcol  o la morfina o l’idealismo." (Carl Gustav Jung)
L'Ayahuasca (aya-wasca, letteralmente "Liana degli Spiriti/dei Morti" in lingua quechua), spesso detta a seconda dei paesi di provenienza, anche: Yage, Hoasca, Daime, Caapi; è un infuso psichedelico a base di diverse piante amazzoniche in grado di indurre un potente effetto allucinogeno, oltre che purgante, e il suo utilizzo, al quale sono da sempre state attribuite prerogative magiche e terapeutiche, è caratteristico delle diverse forme di sciamanismo amazzonico praticate nei territori a cavallo di Perù, Colombia, Ecuador, Brasile, Bolivia e Venezuela. La pozione base, per essere farmacologicamente attiva, dev'essere prodotta facendo bollire assieme, per diverse ore, un minimo di due piante amazzoniche, cioè la liana Banisteriopsis caapi e le foglie dell'arbusto Psychotria viridis, anche noto come chacruna, che in alcune aree può esse…

"Il Dio Pan-Alieno di Godfrey Higgins" di Federico Bellini

Godfrey Higgins (1772-1833) è stato un magistrato inglese e proprietario terriero, stimato sostenitore della riforma sociale, storico ed antiquario. In certi ambienti esoterici è però conosciuto per i suoi scritti riguardanti i miti antichi, in particolare spicca un suo libro tra tutti, Anacalypsis, pubblicato postumo e in cui afferma dell’esistenza di una comunanza tra i vari miti religiosi della Terra, e a cui fa risalire un’origine comune su di una presunta religione o filosofia perduta di derivazione atlantidea. Dal poco che sappiamo della sua vita, risulta che fosse figlio di Godfrey Higgins di Skellow Grange, vicino a Doncaster, venne educato a Hemsworth prima di essere poi ammesso all’Emmanuel College di Cambridge nel 1790, per poi trasferirsi alla Trinity Hall nel 1791. In seguito, studiò legge all’Inner Temple ma non ottenne la licenza di esercitare la legge e si astenne dall’esercizio della professione. Quando poi Napoleone minacciò l’invasione del Regno Unito, si unì al Cor…

Le Consulenze di Federico Bellini, prenota una sessione!

Federico Bellini tiene Consulenze via Skype, di cui si ricorda la natura intensiva del lavoro svolto, e dove verranno forniti tutta una serie di strumenti per conoscere sé stessi, esercizi da svolgere a casa e nel quotidiano. Ad ogni appuntamento, pertanto, sarà come vivere all’interno di un vero e proprio viaggio sciamanico che ci condurrà alla comprensione tangibile dell’illusione, notoriamente chiamata Matrix, arrivando, così, non solo a toccarla con mano ma a vederla all’opera e superarla. La prima consulenza è gratuita. Sarà conoscitiva e permetterà di valutare se proseguire con altri consulti, i quali, se necessari, saranno concordati direttamente con la persona interessata.
Dal martedì al Venerdì, in orario 15:00 - 19:00 Su richiesta anche 21:00 - 23:00
Per prenotare è possibile scrivere al contatto WhatsApp 333 1773995 (no chiamate), oppure all'email: risvegliocomune@gmail.com

"Il Concertone dell'Illusione" di Federico Bellini

. Ogni anno, a Roma, per festeggiare il 1 maggio, i tre sindacati italiani organizzano il famoso "Concertone". Ora, non è per fare sempre polemica, ma viene naturale domandarsi a chi giova mettere in campo un simile evento. I cantanti che ogni anno si avvicendano sono dei 'privati' che si fanno una grande pubblicità, e spesso la qualità delle loro esibizioni dal vivo lascia alquanto a desiderare, essendo per lo più anche "stonati" (in tutti i sensi, non solo vocali), inoltre, sia per Roma come per tutta l'organizzazione messa in campo, vengono spesi dai 300.000 al milione di euro per dare vita a questo evento; ovviamente sono quasi tutti soldi pubblici! La cosa più buffa è che questi "grandi" sindacati vogliono festeggiare il "Lavoro", nel mentre chiedono ai politici di risolvere il problema della povertà e della disoccupazione. Ora, se almeno per un solo anno, quel "Concertone" non venisse organizzato, magari diventando un …